+39 3888520231
dr.annarana@gmail.com

Dieta mediterranea

Biologa Nutrizionista

La dieta mediterranea è un modello nutrizionale e uno stile di vita ispirato alle abitudini dei paesi del bacino del Mediterraneo, compresa l’Italia.

Secondo le linee guida questi sono gli alimenti da consumare:

  1. Frutta e verdura in abbondanza.
  2. Cereali, legumi, noci.
  3. Olio di oliva.
  4. Yogurt e formaggio in quantità moderata.
  5. Uova (non più di 4 uova la settimana).
  6. Carne rossa (piccole quantità e non frequentemente).
  7. Pesce e pollame (piccole quantità).
  8. Vino in bassa quantità.
    Dato che l’olio di oliva è la principale sorgente lipidica delle popolazioni mediterranee, il termine dieta mediterranea viene utilizzato per riferirsi a
    quei modelli alimentari che prevedono ormai storicamente l’olio di oliva
    come la più importante fonte di grassi.
    L’olio di oliva contiene quantità elevate di acidi grassi monoinsaturi e basse
    di grassi saturi; è inoltre un’ottima fonte di vitamina E, dotata di proprietà antiossidanti.
    Per l’elevato contenuto di acido oleico monoinsaturo e per l’abbondanza di sostanze antiossidanti, l’olio di oliva esercita un ruolo benefico preventivo (forse anche terapeutico) della cardiopatia ischemica aterosclerotica e di altre malattie cronico degenerative.

Le porzioni della dieta mediterranea sono costituite da:

  • 55–60% di Glucidi, di cui l’80% complessi (pane integrale, pasta, riso, mais) e il 20 % di zuccheri semplici;
  • 10–15% di Proteine;
  • 25–30 % di Grassi (olio di oliva); frutta e verdura occupano un posto di rilievo per le vitamine, i minerali, gli antiossidanti e le fibre che forniscono.

La caratteristiche della dieta mediterranea ne fanno il regime alimentare ideale su cui medici e nutrizionisti redigono una dieta dimagrante personalizzata ed equilibrata, coniugando un dimagrimento efficace con il calo ponderale ottimale suggerito dalle linee guida SIO* per non compromettere i delicati equilibri metabolici del nostro organismo.

Linee guida SIO*: Società Italiana dell’Obesità in collab. con ADI Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica – ONLUS